foto 1 Alessandra Rossi Ghiglione

Alessandra Rossi Ghiglione

drammaturga, regista, esperta di teatro sociale. Si occupa di creazioni teatrali in contesti di comunità (periferie urbane, ecomusei, territori e tradizioni festive, intercultura, identità di genere, giovani, salute, disabilità), e delle attività di progettazione culturale e formazione ad esse connesse. Formatasi a Milano negli anni Ottanta e Novanta, si trasferisce in Piemonte nel 1998 durante la produzione di Corpo di Stato, lo spettacolo di Marco Baliani su Aldo Moro. A cavallo tra gli anni Novanta e il duemila collabora come dramaturg con numerose compagnie italiane- tra cui Pippo Delbono, Teatro dell’Elfo, Cada Die Teatro, Casa degli Alfieri e con l’Eti per il progetto Mediterraneo. Affianca la generazione dei narratori, lavorando tra gli altri a Vajont di Marco Paolini e numerosi spettacoli di Marco Baliani. Dal 2000 è autrice e regista di spettacoli al femminile con Maria Maglietta, Cristina Crippa, Francesca Mazza, Antonella Enrietto, Caterina Pontrandolfo e delle produzioni di Teatro Popolare Europeo, che fonda nel 2005 in Piemonte con Antonella Enrietto. La sua poetica muove dall’incontro e l’osservazione della realtà, anche attraverso azioni di teatro di comunità, per arrivare all’autonomia della scena con una tensione tra naturalismo e surreale, grottesco e dramma.

Svolge attività di formazione, ricerca e progettazione teatrale in particolare nell’ambito della scrittura teatrale e del teatro sociale e di comunità per enti pubblici, compagnie e organismi internazionali. Ha insegnato all’Università di Milano, Brescia, Torino, e collaborato con numerosi enti pubblici in qualità di consulente scientifico e artistico (tra gli altri, Comune di Torino Progetto Teatro Comunità; Regione Lombardia Progetto Segnali; Ente Teatrale Italiano Progetto Mediterraneo; International Organization for Migration per progetto biennale di teatro sociale in Kosovo). Ha ideato e dirige da dieci anni con Alessandro Pontremoli il Master in Teatro Sociale e di Comunità dell’Università di Torino. Si occupa della supervisione metodologica del progetto europeo Caravan. Artist on the road, vincitore come primo classificato del Bando Cultura EACEA 2011. Da alcuni anni ha approfondito al ricerca nell’ambito del teatro e promozione della salute in collaborazione con Università, centri di ricerca, strutture ospedaliere e a Torino ha ideato e diretto il progetto Sotto il segno del cancro e Il Postale della salute con Aress.

Tra le sue pubblicazioni: Barboni. Il teatro di Pippo Delbono (Milano, 1999); Drammaturgia e teatro sociale, in A. Pontremoli (Torino, 2005); (con A. Pagliarino) Fare teatro sociale, (Roma, 2007); Teatro e salute. (Torino, 2011), Scrivere per la comunità, scrivere per il teatro (in corso di pubblicazione)