anto

Antonella Enrietto

Attrice, autrice, cantante. Formatasi come attrice presso la Civica scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano (fra i docenti: Maria Consagra, Ambra D’Amico, Marco Baliani, Kunaki Ida) ha conseguito il diploma con specializzazione in Teatro Ragazzi. Successivamente ha approfondito la propria formazione in corsi con, fra gli altri, Narcisa Bonati, Yoshi Oida, Gabriella Bartolomei, Patrizia Nasini. Nel 1985 fonda la Compagnia Teatrale Via Zwichy, a Varese e, fino al 1988, partecipa con la stessa alla creazione e produzione di spettacoli di Commedia dell’Arte e Clownerie. Dal 1990 al 2004 collabora stabilmente con il Teatro Gioco Vita di Piacenza partecipando ai principali spettacoli e progetti della compagnia, unendo la sua formazione attorale alle tecniche del Teatro d’Ombre. Ha inoltre curato, sempre per Teatro Gioco Vita, stages e seminari, in Italia e all’Estero, e collaborazioni con altre compagnie (Teatro delle Briciole di Parma, Piccolo Teatro di Milano, Teatro dell’Archivolto di Genova).


Dal 2000 segue un proprio percorso di attrice/autrice dedicandosi al teatro di impegno civile e al teatro di ricerca delle tradizioni. Ha collaborato in questa direzione con la compagnia Casa degli Alfieri di Asti/Archivio della Teatralità Popolare e con alcuni Ecomusei della Regione Piemonte, in particolare L’Ecomuseo del Biellese. Ha partecipato al progetto triennale Terra di Racconti, prodotto da Casa degli Alfieri. Tra le altre esperienze professionali come attrice: Ginestre a Portella, regia di Luciano Nattino; Progetto Cent’anni di solidarietà, regia di Luciano Nattino; partecipazione alla produzione Mediaset Centovetrine; progetto Periferie della Città di Torino; spettacolo per ombre e narrazione Omnia Munda Mundis, una giornata con Luigi Einaudi di Elena Pugliese. Nel 2005 è tra i fondatori di Teatro Popolare Europeo, con il quale promuove eventi e progetti teatrali nell’ambito del teatro sociale e di comunità.